lunedì 16 maggio 2011

MAMMUT - Antonio Pennacchi

Mammut è il primo romanzo di Antonio Pennacchi. Scritto nella metà degli anni '80 e pubblicato dopo diversi rifiuti solo nel '94, rimane tuttavia estremamente attuale. Si fa un grande parlare in questi ultimi tempi di operai, sindacati, sindacalisti, padroni. Ma molti di noi in realtà non sanno esattamente di cosa si parla quando si nomina la classe operaia e il lavoro di fabbrica. In Mammut Pennacchi racconta una storia di fabbrica e di conflitti sindacali, di fratellanza e solidarietà sociale, il tutto intrecciato con la vicenda umana e politica del rappresentante sindacale protagonista del romanzo. Il quale, dopo anni di lotte per il progresso della classe operaia, deve venire a patti con il padrone, prima, con la consapevolezza, poi, che gli operai sono una classe in estinzione, esattamente come i Mammut.
Un bel libro, dalla scrittura asciutta ed essenziale, che ci permette di capire meglio non solo il passato, ma anche il nostro presente.


Ulteriori informazioni su Antonio Pennacchi
Visita il sito ufficiale dell'autore

1 commento:

Sara Durantini ha detto...

Quello che avete descritto nella vostra recensione non appartiene alle condizioni della classe operaia di quindici o più anni fa. Mia mamma lavora in fabbrica e prima di lei mio nonno e quello che che vivono e che hanno vissuto ogni giorno è esattamente ciò che avete raccontato brevemente a proposito del libro di Pennacchi. Deve essere interessante, lo leggerò sicuramente!